Il Castello di Sammezzano

Il castello si Sammezzano è una vera e propria meraviglia, nata dalla mente eclettica di Ferdinando Panciatichi Ximenes che lo riprogettò completamente tra il 1853 e il 1889. Come Ludwing II “il principe delle favole” col suo castello di Neuschwanstein,  Ferdinando ha dato sfogo alla sua fantasia e creatività arrivando a concepire un ambiente unico nel suo genere.
Castello di Sammezzano – fonte Wikipedia
È una costruzione in stile che potremmo definire moresco, ma che in realtà esula da ogni definizione; i nomi delle sale sono fantastici: Sala dei Pavoni, Sala delle stalattiti, Bianca, Sala degli specchi e tanti altri. In questi spazi ampi e concatenati si trovano nicchie, percorsi labirintici, affacci e un campionario inesauribile di archi, volte a ventaglio, capitelli scolpiti. 
 

Il paarco del castello di Sanmezzano, uno dei parchi più vasti della Toscana, è costituito da una grande ragnaia (boschetto) formata da lecci di alto fusto. All’interno di questa e su terreno sottratto alla coltura agricola, alla metà dell’800 Ferdinando Panchiatichi mise a dimore una quantità di generi esotici e rari ed abbellì il parco con manufatti instile moresco. Di particolare rilevanza è il gruppo di sequoie giganti, forse il più numeroso in Italia: si tratta di 57 sequoie adulte, tutte più alte di 35 metri, una delle quali ha un tronco di circa dieci metri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *