Lame che attraversano la storia: da oggi a Scarperia

postato in: Firenze, What to do | 0

Oggi, sabato 30 giugno, presso Palazzo dei Vicari a Scarperia (FI) è stata inaugurata la mostra “Lame che attraversano la storia”, evento ideato dal Centro di Ricerca e Documentazione sull’Artigianato dei Ferri Taglienti di Scarperia e realizzato dalla giovane società cooperativa RES Archeologia di Montespertoli (FI). Particolarità di questa manifestazione, visitabile fino al 15 agosto, è la stretta collaborazione e partecipazione di alcuni musei del territorio mugellano, oltre il Museo dei Ferri Taglienti di Scarperia, quali il Museo Archeologico Comprensoriale del Mugello e della Val di Sieve di Dicomano ed il Centro di Documentazione Archeologica di Sant’Agata (Scarperia).

Il fine di quest’evento è quello di creare un contesto culturale legato alle tradizioni del territorio e portare l’attenzione sulla storia e l’evoluzione di un oggetto, il ferro tagliente, che ha caratterizzato e contribuito in modo sostanziale allo sviluppo della dimensione materiale della vita dell’uomo. La mostra prevede un percorso cronologico dei ferri taglienti dalla Preistoria ai giorni nostri, utilizzando sia reperti archeologici provenienti dal Mugello che ricostruzioni filologiche di alcuni manufatti appositamente realizzati per l’occasione. Nelle vetrine e nei testi saranno analizzati ed esplicati i diversi contesti e le molteplici funzioni che questi oggetti hanno svolto nei vari periodi storici, dall’ambito venatorio a quello bellico, passando per quello domestico ed artigianale.

Per coinvolgere un più vasto pubblico all’evento, accanto all’esposizione museale, ogni domenica pomeriggio (dall’8 luglio al 12 agosto) verranno organizzate delle attività aperte a tutti e indirizzate a varie  fasce d’età: una caccia al tesoro archeologico e un laboratorio su armi e vestiti nel Medioevo per i più piccoli, dimostrazioni della lavorazione artigianale del coltello nella Bottega del Coltellinaio a cura dell’artigiano Fabio Gasparrini, costruzione di armi preistoriche e dimostrazione delle antiche tecniche di fusione dei metalli in collaborazione con il Gruppo Archeologico di Scarperia.

Ancora una volta, viene messo in evidenza l’enorme bagaglio archeologico, storico, culturale e tradizionale di uno splendido territorio come il Mugello.

Lascia un commento