Torna la Festa del Camminare: 3 giorni per rallentare il ritmo.

postato in: Itineraries, Lucca, Pisa, What to do | 0

festa del camminare 2013, vicopisanoSe ti piace camminare e pensi che nella vita, almeno per un giorno, sia il caso di rallentare e di gustare una fetta di pane e olio, beh, devi proprio scoprire la Festa del Camminare. A Vicopisano (Pisa) infatti, dal 22 al 24 Marzo tornerà, per la seconda edizione, questa interessante manifestazione.
Cammini e passeggiate, viaggi di avvicinamento e osservazioni del cielo, seminari e conferenze, spettacoli e musica, letture e proiezioni, guide ambientali ed esperti del cammino, Nordic Walking e Teatro Agricolo, pranzi e degustazioni, aperitivi e merende, attività per i bimbi e per i sognatori, la FieraMercato e la mostra all’aperto delle foto dei viaggiatori.

Con Riccardo Carnovalini camminatore di professione
Adriano Labbucci camminatore rivoluzionario
Gianluca Bonazzi raccoglitore di storie
Giovanni Balzaretti del Teatro Agricolo
… e molti altri

Ci sono 5 modi per raggiungere la Festa camminando:
– da Lerici (SP), dal 18 al 23 marzo, con il raccoglitore di storie Gianluca Bonazzi sulle tracce di Shelley;
– da Lucca, il 22 e il 23 marzo, “La rivoluzione a 3 km l’ora” con Riccardo Carnovalini, camminatore di professione e fotografo;
– da Pisa, il 23 marzo, lungo l’Arno con Alessandra Buscemi, guida ambientale Escursionistica; Erika Orazzini, guida ambientale equestre, e due cavalli da soma;
– da Altopascio (LU), il 23 marzo, lungo la Via Francigena con l’associazione “I Pellegrini della Francigena”;
– da Calci (PI), il 23 marzo, fra rocche e monasteri con l’associazione Spazzavento.

Si può prendere parte a uno dei seminari:
• La Rivoluzione a 3 km l’ora – Più veloce, più alto e più forte come recita il motto olimpico? Meglio più lento, più profondo, più dolce. In cammino da Lucca a Capannori fino alla Festa a passo di lettura.
• Camminar Narrando – Un cantiere di narrazione in tre parti e senza palco. Siamo una gramigna che invade la civiltà, ne tramanda oralmente i valori e ne sputtana i cialtroni allo spettacolo finale della domenica.

Si può passeggiare:
• A passo lento fra alberi e arbusti: Vieni a sorprenderti con noi nello scoprire l’incredibile varietà della flora presente Toscana.
• Di notte a veder le stelle: Per i vicoli del borgo medievale di Vicopisano fino al piccolo colle sede del primo nucleo di insediamento per scrutare il cielo. Possibilità di visitare la Torre Brunelleschi.
• Scalzati e cammina: Il piede è stato inventato molto prima delle scarpe. Vuole sentire la libertà come gli occhi lo sguardo libero. Camminare a piedi nudi è la più naturale delle danze.
• Imparando camminando: Unisciti ai camminatori dal Frantoio al Palazzo Pretorio fra torri, casetorri e la Pieve Santa Maria. Possibilità di visitare la Rocca.
• Cammina pellegrino!: Andata e ritorno da Vico a Buti sugli itinerari religiosi pisani e contemporanea presentazione del testo Pisa e i pellegrinaggi.
• A passo di Nordic Walking: No, non è sci di fondo. Ci sono i bastoncini, ma si può praticare sempre e ovunque. Lezione dimostrativa e passeggiata.
• Calci, dalla Certosa a Nicosia: Passeggiata con gli asini dell’agriturismo I Ruschi.
• Da Buti a Vicopisano: A passo nordico.
• da Calcinaia a Vicopisano: Passeggiata teatrale preceduta dallo spettacolo “Calcinaiolo arrenditi… no, voglio morì cane”.
• da Bientina a Vicopisano

 

Per Info e prenotazioni, e per scoprire il programma in dettaglio, ecco tutti i riferimenti:
050-796117, 0583-356182 – info@festadelcamminare.it – www.festadelcamminare.it