“Ventagli ad Arte” in mostra al Museo Archeologico di Firenze

postato in: Firenze, What to do | 0

In occasione della XIV Settimana della Cultura il Museo Archeologico di Firenze propone la mostra dal titolo Ventagli ad arte che si inaugurera il 20 aprile alle ore 17.30 presso la Sala del Nicchio.

Gillo Dorfles

Nata da un progetto di Luisa Moradei, la mostra si avvale della partecipazione di 64 artisti contemporanei tra i più rappresentativi in ambito fiorentino e nazionale e si propone di offrire attraverso il tema del ventaglio una panoramica dell’arte contemporanea italiana. Questo accessorio femminile viene qui proposto in molteplici varianti tecniche: dalle consuete forme pittoriche
a quelle scultoree, dalle soluzioni fotografiche a quelle tessili.

La presenza di questa rassegna all’interno del Museo Archeologico trova piena giustificazione grazie ai numerosi reperti che confermano l’uso di ventole e flabelli fin dall’antichità. Le opere contemporanee si troveranno
quindi a dialogare con i flabelli etruschi e con le ventole romane creando così un continuum ideale nell’affascinante storia del ventaglio.

Federico Laguzzi

Fra le opere presenti spiccano quella allusiva del ventaglio attraverso le superfici specchianti di Michelangelo Pistoletto, quella giocosa di Sergio Staino o quella graffiante di Silvio Loffredo e ancora i veri e propri ventagli rivisitati in forma pittorica da Gillo Dorfles, Giuliano Ghelli, Ernesto Treccani, Marcello Guasti, Pier Luigi Pizzi, Fabio De Poli, Eugenio Carmi e Urano Palma come pure le creazioni innovative di Elio Marchegiani,Umberto Mariani e Emilio Isgrò. Non
mancheranno opere che si rifanno al “Flabellum” come il prezioso esemplare realizzato dall’orafo fiorentino Gianluca Cassigoli, la soluzione tessile proposta da Graziella Guidotti o, per concludere, con il ventaglio a fibre ottiche realizzato da Federico Laguzzi.
La mostra, a ingresso libero, resterà aperta fino al 30 settembre ed è visitabile dal martedì al venerdì dalle 8.30 alle 19, mentre il sabato e la domenica dalle 8.30 alle 14.

Silvio Loffredo

Per ulteriori informazioni si può contattare la stessa ideatrice-curatrice della mostra, Luisa Moradei, ai seguenti numeri telefonici: 055.2347574 oppure 347.7482680; oppure si può scrivere una mail all’indirizzo: luisamoradei@yahoo.it.

Lascia un commento